Terapia CranioSacrale

Questa metodica prevede che tutte le strutture e i tessuti del corpo manifestino quello che un operatore esperto percepisce come dei micromovimenti coordinati al ritmo di 10/14 al minuto. Sutherland ha descritto questi movimenti come parti costituenti del Meccanismo Respiratorio Primario (M.R.P.). Questo meccanismo si divide in 2 tempi: uno di andata e uno di ritorno alla posizione di partenza; si parla di un tempo inspiratorio e un tempo espiratorio cranio-sacrale.

Nel tempo inspiratorio le strutture impari del cranio (occipite) e della pelvi (sacro) si muovono in direzione della curva fetale, ossia si spostano in un piano anteroposteriore attorno ad assi trasversali, realizzando il movimento di flessione cranio-sacrale. Sempre nel tempo inspiratorio le strutture pari (iliaci,temporali,zigomatici…) realizzano un movimento di rotazione esterna.

Nel tempo espiratorio le strutture impari compiono dei movimenti di estensione, mentre le strutture pari compiono dei movimenti di rotazione interna.

La colonna e la gabbia toracica, insieme alle strutture degli arti superiori e inferiori, mostrano un movimento bifasico in associazione alla fase inspiratoria ed espiratoria dell’ M.R.P. Il movimento globale della colonna mostra una diminuzione delle curve antero-posteriori nella fase inspiratoria e un aumento delle curve anteroposteriori nella fase espiratoria. Le strutture pari quali le coste, il cingolo scapolare, gli arti inferiori e superiori dimostrano una rotazione esterna nella fase inspiratoria e interna in quella espiratoria.

I movimenti cranio-sacrali non devono essere confusi con quelli di flesso-estensione anatomica. Sono movimenti di ampiezza molto ridotta, percepibili solo attraverso dei test di “Ascolto”. La dinamica cranio-sacrale è l’insieme di quello che percepiamo in tutte le parti del corpo: sulle ossa, nelle membrane della dura madre, nelle fasce che uniscono le differenti strutture dell’organismo. Tutti i movimenti cranio-sacrali vengono prodotti in modo ritmico e involontario.

La vita e il movimento dei tessuti è situato in ogni fibra e cellula. L’azione del terapeuta non si limita alla correzione di un osso in rapporto all’altro, ma cerca di restituire ai differenti tessuti le proprie funzioni. 

 
Pediatric FisioGroup - ROMA - tel. +39-392/3847297  -  e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
 
** ** ** **