Displasia dell'Anca

La displasia dell'anca è il termine medico utilizzato per descrivere un problema nella formazione dell'articolazione dell'anca nei bambini. Il problema si può localizzare sia a carico testa del femore che a carico della cavità acetabolare

Storicamente, molti medici hanno definito il problema col nome di displasia congenita dell'anca. Più recentemente, la terminologia accettata è displasia evolutiva dell'anca (DEA).


 

La causa esatta della displasia dell'anca non è facile da definire, in quanto si pensa vi siano diversi fattori che contribuiscono allo sviluppo di questa condizione. La displasia dell'anca si verifica in circa il 0,4% delle totali nascite, ed è più comune nelle bambine. Alcuni fattori di rischio noti per la displasia evolutiva dell'anca sono:

  • - I bambini con una storia familiare di displasia dell'anca
  • - I bambini nati in posizione podalica
  • - I bambini nati con altri "problemi di posizionamento"*
  • - Oligoidraminos (mancanza di fluido intrauterina)

* Problemi di posizionamento sono condizioni che risultano dalla posizione che assume il feto nell’utero, ad esempio, piede torto e torcicollo e plagiocefalia.

La diagnosi di displasia dell'anca nel bambino si basa sui risultati dell'esame fisico. Il medico sentirà un "click " eseguendo una manovra particolare. Queste manovra, chiamata “Manovra di Ortolani”, è una manovra di riduzione dell’anca che provocherà un “click” nei bambini che presentano una sublussazione che rappresenta un segno clinico indicativa per la DEA.

Se la manovra risulta positiva il medigo eseguirà un’ecografia. Una radiografia non mostra le ossa in un bambino piccolo fino ad almeno 6 mesi di età, e quindi una ecografia dell'anca è preferita. L'ecografia dell'anca mostrerà la posizione dei capi articolari e la conformazione dell'articolazione. Invece della normale rapporto articolare, l'ecografia può mostrare la testa femorale sublussata, e una cavità acetabolare poco profonda. L'ecografia dell'anca può essere utilizzata anche per determinare quanto il trattamento sia efficace.

Il trattamento della displasia dell'anca dipende dall'età del bambino. L'obiettivo del trattamento è quello di posizionare correttamente l'articolazione dell'anca ("ridurre" l'anca). Una volta che una riduzione adeguata si ottiene, il medico terrà l'anca in quella posizione ridotto e permettere al corpo di adattarsi alla nuova posizione. Più precoce sarà il trattamento, maggiori saranno le possibilità di un recupero completo. Nel corso del tempo, il corpo diventa meno malleabile e quandi sarà più difficile ottenere un risultato ottimale.

Il successo del trattamento dipende dall'età del bambino, e l'adeguatezza della riduzione. In un neonato con una buona riduzione, c'è una buona possibilità di recupero completo. Quando l'inizio del trattamento è tardivo, la possibilità di pieno recupero diminuisce. I bambini in cui la displasia dell'anca persiste, hanno una probabilità di sviluppare dolore e artrosi precoce. Un cattivo recupero della condizione patologica può portare in età avanzata ad un’intervento chirurgico di osteotomia dell'anca o protesi d'anca.

 

 
Pediatric FisioGroup - ROMA - tel. +39-392/3847297  -  e-mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
 
 
 
** ** ** **